DOVE: A Spoleto,  dove la vecchia stazione da cui partiva il “trenino azzurro” è stata restaurata per ospitare i reperti, i documenti e le foto storiche della Ex Ferrovia Spoleto-Norcia.

museo ex ferrovia spoleto norcia

CHI: Luigi Fasciglione, nato Napoli il 27/5/60, di professione insegnante ed ora responsabile del Museo.

“Mi interesso alla Spoleto/Norcia fin da piccolo grazie a mio Nonno che dal 1943 al 44 ha lavorato sulla mitica ferrovia, quindi sono uno dei maggiori collezionisti e conoscitore della materia, dal 2000 ho curato le mostre insieme alla soprintendenza di Norcia e Spoleto”

PERCHÈ: Il Museo è aperto a chiunque abbia il desiderio di curiosare tra le memorie di un passato che ha segnato profondamente la storia di questa parte dell’Umbria.

Il treno è stato per molti anni l’unico mezzo a disposizione di chi viveva in montagna e doveva spostarsi da un piccolo borgo all’altro o raggiungere lo snodo di Spoleto per arrivare in città!

Dopo che la ferrovia è stata dismessa e smantellata, il tracciato è stato trascurato, ma non da tutti: nel corso del tempo è diventato meta di veri e propri “pellegrinaggi” da parte degli amanti della camminata e della mountain bike, grazie agli spettacolari scorci di cui si può godere tra salite e dislivelli facili da affrontare, attraverso ponticelli di mattoni e gallerie che si aprono la strada nella natura selvaggia.

10710356_10202769272888185_6006952157679384493_o

COSA C’È DI SPECIALE: grazie alla collaborazione di diverse realtà vive e presenti sul territorio, gli splendidi paesaggi della Spoleto-Norcia sono diventati un percorso naturalistico adatto a tutte le forme di “mobilità dolce”. L’Umbria oggi ha un nuovo itinerario, per il turismo sostenibile e non solo: invitiamo gli amanti dello sport, i cercatori di piccoli borghi dalle antiche tradizioni e i buongustai (si, da queste parti si mangia davvero molto bene!) a prendere in considerazione l’idea di visitare questo piccolo gioiello almeno una volta nella vita.

vecchia ferrovia

MENZIONE SPECIALE A: Filippo Fagioli e il team di Umbria Nascosta per la realizzazione del documentario “L’arrivo di un Treno – Sulle tracce della Spoleto-Norcia” (Philms, 2014): tra interviste e fotogrammi del passato, il poetico docufilm raccoglie le testimonianze di chi ancora ricorda il trenino in funzione e si interroga sulle problematiche della dismissione e dell’eventuale ripristino della ferrovia.
Grazie ad una collaborazione con Umbria Nascosta ho avuto modo di scoprire questa storia da vicino e di appassionarmi sempre di più ai tesori nascosti della Valnerina: guarda il trailer, ne vale la pena!

Il gruppo Modellisti Ferroviari di Spoleto, perchè…

modellisti ferroviari di spoleto

… in silenzio con proprie risorse la stanno splendidamente ricostruendo, traliccio dopo traliccio..grazie Roberto Baldoni e tutti. Il plastico è vicino al Museo ed è senz’altro da vedere..qui il treno c’è e si muove! (Paolo Capocci)

PERCHÈ L’ABBIAMO SCELTO: Pochi mesi fa, il tracciato della ferrovia è stato nuovamente aperto al pubblico dopo decenni di abbandono. Viene da pensare che sarebbe un peccato commettere due volte lo stesso errore!
Per questo vale la pena tenere d’occhio le attività che le persone del luogo e gli appassionati promuovono in ogni periodo dell’anno: si avrà l’occasione di conoscere da vicino una realtà che per molto tempo è stata dimenticata e che grazie all’impegno di tutti è tornata finalmente alla luce.

Spoleto-Norcia (foto di Filippo Fagioli)

 

CONTATTI:

Indirizzo: via Fratelli Cervi n°10, Spoleto (PG)

Pagina Facebook: Museo ex Ferrovia Spoleto Norcia su Facebook

Documentario: Umbria Nascosta

Giornata nazionale delle Ferrovie Dimenticate, in collaborazione con Co.Mo.Do. : per assaporare anche qui i piaceri della mobilità dolce!